CronacaMeteorologiaPrimo Piano

Meteo: cosa succederà dopo la brusca interruzione dell’estate settembrina?

Entro venerdì le temperature caleranno in tutto il Paese. Al Nord e sulle regioni adriatiche i valori si porteranno sotto le medie

La lunga parentesi estiva volge al termine a causa dell’arrivo di un fronte freddo (perturbazione n.6 di settembre) proveniente dal Nord Europa che, tra mercoledì e venerdì, attraverserà tutta l’Italia da nord a sud portando piogge, temporali e un sensibile calo termico. In particolare mercoledì piogge e venti freschi interesseranno prevalentemente il Nord, mentre al Centro-Sud le temperature resteranno ancora estive; entro giovedì le precipitazioni e il calo termico si propagheranno anche al resto d’Italia, eccetto all’estremo Sud dove il ridimensionamento termico si completerà nella giornata di venerdì. In particolare, giovedì mattino ampie schiarite al Nord-Est e sul settore ionico. Nuvoloso o molto nuvoloso altrove con piogge e rovesci lungo il medio-basso Adriatico, in Toscana centrale, Umbria e nel Cuneese; qualche locale pioggia possibile anche fra il Lazio e il nord della Campania. Nel pomeriggio piogge e temporali sparsi possibili su Lazio, Abruzzo, Molise, gran parte del Sud eccetto coste tirreniche e bassa Calabria, e sulla Sicilia occidentale; ancora soleggiato al Nord-Est, ma con tendenza a schiarite sempre più ampie anche al Nord-Ovest. In serata situazione in miglioramento al Centro e sulla Sicilia; piogge e locali rovesci insistono, invece, su Puglia, Basilicata, nord-est della Calabria e sulla Campania settentrionale. Temperature in diminuzione, eccetto all’estremo Sud e sulle Isole; valori in generale inferiori alla norma al Centro-Nord e sulla Puglia, clima ancora estivo su Calabria, Sicilia e Sardegna con picchi intorno ai 28-30 gradi. Giornata ventosa per venti nord-orientali, specialmente al Centro-Nord, in Sardegna e sul basso Adriatico. Venerdì e sabato il tempo torna a essere prevalentemente soleggiato sull’Italia, con soltanto residua instabilità tra Calabria e Sicilia. Venerdì ulteriore calo delle temperature, più sensibile tra Calabria e Sicilia: in Sardegna possibili picchi massimi vicini a 30 gradi. Quella di venerdì sarà un’altra giornata ventosa per venti nord-orientali. Sabato avremo un primo, lieve rialzo termico, ma con valori che rimarranno al di sotto della media, soprattutto al Nord e lungo il versante adriatico. Nella giornata di domenica è probabile l’arrivo di un po’ di nuvolosità sulle regioni occidentali, sintomo dell’avvicinamento di una nuova perturbazione che comincerà a portare qualche locale precipitazione soprattutto all’estremo Nord-Ovest. Sulle regioni più orientali prevarranno invece le schiarite, accompagnate da un ulteriore, leggero aumento delle temperature. Questa nuova perturbazione, la n. 7 del mese, dovrebbe transitare sul nostro Paese nella prima parte della prossima settimana.

Tags

Articoli correlati