Cronaca

Mediterranea, Salvini firma il divieto di ingresso nelle acque italiane

Stamattina la Mare Jonio ha salvato circa 100 naufraghi nel Mediterraneo

La nave dell’italiana Mediterranea Saving Humans, la Mare Jonio, non potrà entrare, transitare o sostare nelle acque territoriali: il divieto è stato firmato dal ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Lo fanno sapere fonti del Viminale specificando che il provvedimento è stato inviato ai ministri Trenta e Toninelli. Questa mattina la nave di Mediterranea ha salvato circa 100 migranti che erano su un gommone alla deriva. L’Ong italiana ha fatto sapere che «dopo il nostro rifiuto di violare il diritto internazionale riferendoci ad ‘Autorità Libiche», il Centro di coordinamento del soccorso marittimo della Guardia costiera di Roma «ha assunto il coordinamento del nostro caso e chiesto ‘a competenti Autorità Italiane’ l’assegnazione di un porto sicuro alla Mare Jonio».

Tra le persone tratte in salvo dagli attivisti di Mediterranea ci sono anche 26 donne, di cui almeno 8 incinte, 22 bambini di meno di 10 anni e almeno altri 6 minori.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

🔵 BREAKING 🔵 Alle 8.35 di questa mattina la Mare Jonio ha completato il salvataggio di circa cento persone tra cui 26 donne di cui almeno 8 incinte, 22 bambini di meno di 10 anni e almeno altri 6 minori. Abbiamo individuato il loro gommone, sovraffollato, alla deriva e con un tubolare già sgonfio con il nostro radar, e per fortuna siamo arrivati in tempo per portare soccorso. Le persone sono tutte al sicuro a bordo con noi, ci sono casi di ipotermia e alcune di loro hanno segni evidenti dei maltrattamenti e delle torture subite in Libia. Fuggono tutte dall’inferno. Restiamo ora in attesa di istruzioni dal centro di coordinamento marittimo italiano, cui ci siamo riferiti mentre ancora il salvataggio era in corso, in quanto nostro MRCC di bandiera. ••• 🔵 BREAKING 🔵 At 8:35 a.m. this morning the Mare Jonio has rescued about a hundred people including 26 women – of which at least 8 pregnant – 22 children of less than 10 years and at least 6 others minors. We found their rubber boat with our radar. It was overcrowded, drifting and with a tubular already deflated. Luckily we arrived in time to rescue them. These people are all safe on board with us, there are cases of hypothermia and some of them have obvious signs of mistreatment and torture suffered in Libya. They all escaped from hell. We are now waiting for instructions from the Italian Maritime Coordination Centre, which we informed while the rescue was in progress, as our flag MRCC.

Un post condiviso da Mediterranea (@mediterranearescue) in data:

Tags

Articoli correlati