CronacaPrimo Piano

Marianna Greco: archiviato come suicidio, il caso è stato riaperto

Oggi è stato riesumato il corpo della donna: morì nel 2016 con quattro coltellate alla gola

Il corpo di Marianna Greco è stato riesumato oggi per l’autopsia che verrà compiuta in giornata nel cimitero di Novoli. La donna è stata trovata morta il 30 novembre 2016 con quattro coltellate alla gola nel letto matrimoniale della sua abitazione.
Il caso era stato archiviato come suicidio, ma la famiglia della 37enne non si è mai arresa e ha prodotto consulenze medico-legali che hanno portato la procura di Lecce a riaprire il caso con l’ipotesi di omicidio volontario e a indagare il marito 43enne della donna, Emanuele Montinaro.
I resti di Marianna Greco sono stati riesumati alla presenza di due ufficiali giudiziari della Procura. Il nuovo esame dovrà approfondire alcuni elementi emersi durante la prima autopsia effettuata cinque anni fa, come il materiale biologico rinvenuto sotto le unghie della vittima, alcuni capelli biondi trovati in un mano e alcuni tagli rinvenuti sulle dita della mano destra, tutti elementi che farebbero ipotizzare un’azione di difesa in una colluttazione.

Tags

Articoli correlati