CronacaPrimo Piano

Inter-Napoli, morto il tifoso investito: era un ultras del Varese

Il questore di Milano ha tenuto una conferenza stampa per dare maggiori spiegazioni su quello che è successo prima di Inter-Napoli

Prima della partita Inter-Napoli, a Milano si sono svolti violenti scontri tra tifosi e un uomo è morto dopo essere stato investito. Si è appena conclusa la conferenza stampa del Questore di Milano, Marcello Cardona, per fare chiarezza su quello che si sa, al momento, sull’accaduto.

L’uomo investito si chiamava Daniele Belardinelli, aveva 35 anni, ed era un noto capo ultras del Varese Calcio. Aveva precedenti per reati da stadio e aveva già subìto daspo. Come ha sottolineato il questore, tra i tifosi interisti si sono infiltrati ultras del Varese e del Nizza.
A differenza di quanto era stato riportato inizialmente, non è sicuro che Belardinelli sia stato investito da un van di tifosi del Napoli. A investire l’uomo sarebbe stato un suv scuro e Cadorna ha specificato che “in questo momento non sappiamo chi fosse alla guida del suv“. Non è certo, dunque, che il mezzo fosse guidato da tifosi e addirittura non c’è la sicurezza che l’autista si sia accorto di aver travolto un uomo.

Gli scontri hanno avuto inizio quando gli ultras dell’Inter, con quelli del Varese e del Nizza, hanno aggredito i tifosi napoletani che si stavano recando a San Siro. L’aggressione è stata descritta da Cadorna come una “azione squadristica avvenuta in modo ignobile”.

Il questore di Milano ha confermato che 4 tifosi napoletani sono rimasti feriti lievemente. 3 tifosi con contusioni, mentre un quarto ha riportato una ferita da taglio per la quale è stato portato in ospedale, in codice verde. “Il pronto intervento delle forze dell’ordine”, ha sottolineato il questore, ha permesso di “disperdere tutti quanti”.

Le indagini hanno avuto inizio subito dopo gli scontri: nella notte le autorità hanno eseguito una decina di perquisizioni e hanno arrestato due ultras dell’inter. “Ne stiamo cercando un altro perché dalle immagini ne abbiamo individuati con certezza tre”, ha dichiarato Cadorna, aggiungendo che “non escludiamo di arrestarne anche altri”.

Tags

Articoli correlati