Cronaca

Incidente sul Garda: procuratore, valutiamo naufragio colposo

BRESCIA, 05 LUG – “La Procura di Brescia riteneva di dovere impegnarsi e fare quello che era giusto fare per onorare questi due splendidi ragazzi. Abbiamo attivato una procedura internazionale che oggi si è conclusa”. Lo ha detto il procuratore capo Francesco Prete parlando dell’arresto del turista 52enne che guidava il motoscafo che sul Garda ha travolto e ucciso Umberto Garzarella e Greta Nedrotti. “È accusato di omicidio plurimo, omissione di soccorso. Valuteremo il naufragio colposo. Quel che conta è che la gravità del fatto sia acutizzata perché i due investitori non si sono fermati, si sono allontanati e non hanno prestato i soccorsi. Hanno dichiarato di non essersi accorti di aver impattato un natante. Questa circostanza, se fosse, vera, andrà valutata attentamente quando si tratterà di ricostruire lo stato di alterazione psichica in quel momento e la velocità alla quale viaggiavano. A distanza di ore il tedesco è risultato positivo all’esame del sangue per rilevare tracce di alcol” ha aggiunto Prete. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati