CronacaPrimo Piano

Genova, molotov contro un centro di accoglienza. “Volevamo divertirci”

Quattro giovani inchiodati dai filmati delle telecamere di sorveglianza. Iscritti nel registro degli indagati

Genova – Quattro ragazzi, neanche ventenni, dopo una serata passata insieme hanno deciso di sganciare una molotov contro un centro di accoglienza. È successo a Davagna, nell’hinterland di Genova, dove sorge Casa Apollaro, struttura gestita da una onlus che si occupa di prestare accoglienza ai richiedenti asilo. I quattro giovani, che hanno compiuto il gesto nella notte tra il 22 e il 23 febbraio, secondo quanto rivelato da “La Stampa” si sono giustificati dicendo agli agenti che “volevano solo divertirsi”.

Secondo il racconto dei ragazzi agli investigatori, durante il viaggio verso Davagna i quattro hanno confezionato una bottiglia molotov e, giunti davanti a Casa Apollaro, l’hanno lanciata verso la struttura. Non avevano però messo in conto le telecamere di sorveglianza, i cui filmati hanno ovviamente inchiodato i giovani che ora sono iscritti nel registro degli indagati con le accuse di incendio doloso aggravato dall’odio razziale e di fabbricazione e porto di arma da guerra.

Tags

Articoli correlati