Cronaca

Gandolfini: 6 milioni di bambini uccisi con l’aborto

Il leader del Family Day, a Verona per il Congresso internazionale della Famiglia, fa il bilancio di quanto accaduto in Italia dal 1978

Sei milioni di bambini uccisi a fronte di 200mila salvati. È questo il bilancio della pratica dell’aborto dal 1978 ad oggi in Italia. Lo ha affermato Massimo Gandolfini, leader del Family Day, a margine del Congresso internazionale delle Famiglia che si tiene da oggi fino a domenica a Verona. Questi 200mila bambini “sono stati salvati, per esempio, dal Movimento per la Vita. Ecco lo Stato ha tradito se stesso”, ha detto Gandolfini. “L’aborto- ha proseguito- è l’uccisione di un bambino in utero, e la legge 194 è stata applicata soltanto negli articoli che permettono la soppressione di una vita e non in quelli che aiutano la maternità”. Gandolfini ha specificato che “da un’unione donna donna e uomo uomo, non nasce una vita, per cui non possono essere genitori. Siamo inoltre convintamente contrari alla maternità surrogata e all’utero in affitto, pratica incivile”.

Tags

Articoli correlati