CronacaItaliaPrimo Piano

Frosinone, pestato perchè indossa maglietta del Cinema America. Quando l’odio va contro la cultura

Le magliette bordeaux del Cinema America sono un simbolo di un progetto sociale e di un’idea di città che non si arrende al degrado

Frosinone – Un ragazzo di 33 anni è stato aggredito e picchiato ad un concerto di beneficienza contro la leucemia, indossava la maglietta amaranto del Cinema America, sarebbe stato questo il fattore scatenante della violenza. Gli aggressori gli hanno strappato la maglia è rotto gli occhiali. “Erano di estrema destra”, ha raccontato il giovane. “Per come la vedo io non dovrebbe essere pericoloso indossare una maglietta. Credo sia stato un fatto di emulazione: ne avrà letto sui social, avrà visto alla tv… Io non sono dell’associazione ma frequento le loro arene, a San Cosimato, alla Cervelletta. Ho una forte empatia con quello che fanno”, racconta all’ANSA Francesco. “Secondo me (i ragazzi del Cinema America. ndr) fanno un servizio encomiabile per la città. Io spero che questi episodi siano isolati”.

Cos’è il Cinema America – Il cinema America è uno spazio “salvato” da un gruppo di giovani che occupa un edificio, situato nel cuore di Trastevere che era a rischio demolizione; al suo posto sarebbero nati nuovi appartamenti e parcheggi. Il progetto dei ragazzi è stato quello di ristrutturare l’immobile, edificato nel 1956 e progettato dall’architetto Di Castro, e farci proiezioni cinematografiche, opponendosi al degrado e alla speculazione edilizia. Il gruppo fonda l’associazione “Piccolo Cinema America”, oggi “Piccolo America”, e inizia a progettare a Roma grandi arene estive gratuite. Da San Cosimato fino a Ostia nasce così “Il Cinema in Piazza”. Ora i ragazzi stanno lavorando per riaprire il Cinema Troisi di Via Induno.

Le magliette bordeaux del Cinema America sono presenti a Roma e in tutta Italia ormai da anni. Già nel 2017 erano state prese di mira durante un’aggressione all’Esquilino: un episodio analogo si è ripetuto negli scorsi giorni, quando quattro ragazzi sono stati aggrediti a Trastevere. Le t-shirts sono un simbolo di un progetto sociale e di un’idea di città che non si arrende al degrado.


 

Redatto da Elisabetta Ruffolo

Tags

Articoli correlati