CronacaPrimo Piano

Ex Ilva, la Procura ordina lo spegnimento dell’Altoforno 2: «non è sicuro»

Non applicate tutte prescrizioni sicurezza. Effetto non immediato

La Procura di Taranto ha disposto l’avvio delle procedura di spegnimento dell’Altoforno 2 dell’impianto ex Ilva di Taranto perché non garantisce la sicurezza per gli operai. L’Altoforno 2 era stato sottoposto a sequestro preventivo dopo l’incidente costato la morte nel 2015 di un operaio investito da una colata incandescente. La disposizione della Procura è la conseguenza del rigetto del Gup nei giorni scorsi dell’istanza di dissequestro dell’impianto.

Il pm Antonella De Luca ha affidato al custode giudiziario, Barbara Valenzano, la definizione del cronoprogramma per lo spegnimento dell’Afo 2, che è uno dei tre altoforni del siderurgico di Taranto. I tecnici nominati dal Gup hanno accertato che l’azienda non avrebbe applicato tutte le prescrizioni per la messa in sicurezza dell’impianto.

Nel frattempo il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, non sembra intenzionato a tornare indietro sull’abolizione dell’immunità penale degli amministratori dello stabilimento, sebbene l’azienda ne abbia richiesto la reintroduzione minacciando altrimenti la chiusura della fabbrica.

Tags

Articoli correlati