CronacaPrimo Piano

Commissione antimafia, desecretati atti dal 1962 al 2001. Scorta Borsellino solo di mattina

Tra i documenti resi accessibili e digitalizzati c'è anche un'audizione di Borsellino che lamenta l'assenza di scorta al pomeriggio

La Commissione antimafia ha desecretato documenti, audizioni e prove – finora top secret – che vanno dal 1962 al 2001. Gli atti sono adesso accessibili e digitalizzati. Tra questi, anche l’audizione del 1984 del giudice Paolo Borsellino mentre stava lavorando al maxi-processo a Cosa Nostra. Borsellino si lamenta di avere la scorta solo di mattina, mentre di pomeriggio lo lasciavano libero di morire: “Che senso ha essere accompagnato la mattina per poi essere libero di essere ucciso la sera?“, queste le sue parole davanti alla Commissione antimafia in un video proiettato oggi in Senato. Borsellino, inoltre, lamenta la mancanza di segretari e dattilografi: “Ne abbiamo bisogno per tutto l’arco della giornata”.

Tags

Articoli correlati