CronacaPrimo Piano

Treni in tilt tra Firenze e Roma. Anarchici: «è bastata una sigaretta»

In tutto sono stati cancellati 42 treni ad alta velocità. Trenitalia annuncia il rimborso integrale

Alba di oggi la circolazione ferroviaria è andata in tilt per tre incendi dolosi scoppiati nelle cabine elettriche delle linee Direttissima e convenzionale fra Roma e Firenze. La circolazione, dopo esser stata sospesa tra le 5.40 e le 7.10, è ripresa ma con molti ritardi: in tutto sono stati cancellati 42 treni ad alta velocità (sia Italo che Trenitalia) e i ritardi medi si aggirano tra le 3 e le 4 ore.  

L’incendio nella stazione di Rovezzano (Firenze) è probabilmente stato appiccato da una mano anarchica. Lo sostengono gli inquirenti secondo cui la zona è stata già in passato al centro di azioni dimostrative. Inoltre su un sito di anarchici un messaggio che suona come una rivendicazione. Sul sito “Finimondo.org”, vicino all’area anarchica si legge: «una cabina elettrica dell’Alta Velocità si è surriscaldata al punto da andare in fiamme. Un caso? Oppure, più semplicemente, un gesto d’amore e di rabbia?». Nel messaggio si fa riferimento anche alla sentenza contro una trentina di anarchici che il tribunale di Firenze emetterà tra poche ore. «Non riusciamo a trattenere la nostra emozione» nel vedere come «sia sufficiente accendersi una sigaretta all’aria aperta in campagna sotto la luna» per mandare in tilt questo «gigante coi piedi d’argilla».

Intanto Trenitalia annuncia il rimborso del 100% dei biglietti. «Rimborso integrale per i passeggeri dei treni alta velocità e media-lunga percorrenza che rinunciano al viaggio e che sono stati interessati dal blocco del traffico ferroviario, con ritardi e cancellazioni, per i danni provocati dall’incendio».

 

Tags

Articoli correlati