Cronaca

Caso Ruby, manca ancora il nulla osta per la sepoltura di Imane Fadil

Malgrado le indiscrezioni non è stata ancora depositata la relazione sui risultati dell'autopsia

Manca il nulla osta per la sepoltura di Imane Fadil, una delle testimoni ‘chiave’ del caso Ruby deceduta il primo marzo all’Humanitas di Rozzano (Milano) dopo una lunga agonia. Da quasi cinque mesi ormai i familiari attendono di darle sepoltura. Mentre non è ancora avvenuto il deposito della relazione finale del pool di medici legali dopo i complessi accertamenti autoptici e non è stato dato nemmeno il nulla osta alla restituzione della salma alla famiglia.

Nelle scorse settimane sono comunque uscite una serie di indiscrezioni sugli accertamenti dei medici e si è saputo che sarebbe stata esclusa l’ipotesi dell’avvelenamento doloso e che si propende per una morte per cause naturali. Anche se poi in Procura hanno subito chiarito che gli esiti finali dell’autopsia non sono stati ancora depositati, cosa che di fatto non è avvenuta nemmeno in questi giorni. La famiglia, dunque, con i legali Mirko Mazzali e Nicola Quatrano, è in attesa da mesi di conoscere le cause della morte della modella e non ha potuto ancora darle una degna sepoltura

Tags

Articoli correlati