CronacaPrimo Piano

Caso Ruby, Fadil rivelò l’avvelenamento 10 giorni prima di morire

Lo disse a medici Humanitas

Solo una decina di giorni prima di morire Imane Fadil, una delle testimoni chiave del processo sul caso Ruby, aveva rivelato ai medici dell’Humanitas, dove era ricoverata in gravi condizioni, di temere di essere stata avvelenata. E’ quel che risulta all’ANSA in base alle cartelle cliniche che la Procura ha sequestrato il primo marzo, giorno in cui la modella marocchina di 34 anni è morta a causa, come risulta dagli esiti degli esami tossicologici eseguiti in un centro specializzato di Pavia, di un mix di sostanze radioattive.

Tags

Articoli correlati