Cronaca

CasaPound a Roma, il Demanio avvia la procedura per lo sgombero della sede all’Esquilino

L'immobile però non è nella lista presentata dalla Prefettura di Roma

Il Demanio ha avviato la procedura per lo sgombero dei locali occupati da CasaPound a Roma, in via Napoleone III, all’Esquilino. Nella lista presentata dalla Prefettura di Roma dei 23 immobili che saranno sgomberati a partire dalla primavera 2020, però non nono citati questi immobili. L’amministrazione avrebbe presentato lo scorso 21 marzo una denuncia alla Procura dando il via alla procedura e, di recente, sarebbero stati prodotti gli atti propedeutici allo sgombero.

L’agenzia legata al ministero dell’Economia che si occupa della gestione e della valorizzazione del patrimonio immobiliare dello Stato avrebbe richiesto il recupero degli importi dovuti (la Corte dei Conti aveva quantificato in 4,6 milioni il danno a carico dei funzionari che non avevano fatto sgombrare), oltre a presentare il documento che attesta l’occupazione arbitraria dell’immobile.

Tags

Articoli correlati