CronacaPrimo Piano

Carabiniere ucciso, spunta l’audio della telefonata al 112 del pusher Brugiatelli

«Mi hanno chiesto il riscatto dei soldi. Se potete rintracciarli, vi do il numero»

E’ spuntato l’audio della telefonata al 112, effettuata dal pusher Brugiatelli per denunciare il furto e ricatto nella vicenda del carabiniere ucciso a Roma. «Venite qui, sono scappati a piedi, vi do il numero», si sente nella registrazione audio. Sergio Brugiatelli è l’uomo che è stato avvicinato dai due giovani americani, accusati dell’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega.

La trascrizione dell’audio della telefonata al 112

«Buonasera, mi hanno rubato la borsa, sono in piazza Gioacchino Belli, questi ragazzi mi hanno chiesto il riscatto dei soldi. Devo fare una denuncia: dentro avevo documenti, patente, codice fiscale, soldi», dice Brugiatelli. «Se potete venire vi do il numero, se potete rintracciarli… mi sono anche scappati… a piedi».

Il 112 quindi chiede: «dove si trova lei?». «A piazza Gioacchino Belli – risponde-. Ho una bicicletta grigio, mi vedete davanti al bar… sono in pantaloncini blu, scarpe bianche. Vi do il numero e provate a chiamare». «Attenda lì, stiamo arrivando», spiegano i carabinieri.

Secondo la ricostruzione dei fatti, i due americani avrebbero detto a Brugiatelli che gli avrebbero restituito lo zaino in cambio di 100 e un grammo di cocaina. All’appuntamento, però, sono arrivati anche i carabinieri Mario Cerciello Rega e Andrea Varriale. A quel punto i due carabinieri sono stati aggrediti. Mario Cerciello Rega è morto dopo 8 coltellate.

FOTO shock, americano bendato e ammanettato in Caserma

 

Tags

Articoli correlati