Cronaca

Cadavere nel Bresciano: serve Dna ma si ritiene sia Ziliani

BRESCIA, 09 AGO – In attesa dell’esame del Dna che rappresenterà la prova certa, la Procura di Brescia non ha più dubbi e ritiene che il cadavere trovato a Temù, in Vallecamonica, sia di Laura Ziliani, la vigilessa scomparsa lo scorso otto maggio. Domani sarà conferito l’incarico per l’esame del Dna e poi per la successiva autopsia. “Molto gli elementi che fanno ritenere che sia la donna scomparsa tre mesi”, riferiscono fonti investigative. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati