CronacaPrimo Piano

Bolzano, denunciò stupro da parte di migranti: «ho inventato tutto»

Fu solo un'invenzione per attirare l'attenzione del fidanzato

A maggio aveva suscitato molto clamore la notizia di una ragazzina di 15 anni stuprata da due migranti lungo una ciclabile a Bolzano: in realtà si trattò di una messa in scena, una bugia inventata dalla ragazza al solo scopo di attirare l’attenzione del fidanzato.
Lo fa sapere la Procura, che in questi giorni ha concluso le indagini durante le quali la ragazza ha spontaneamente confessato la bugia al pm e alla psicologa. Il caso della ragazza violentata da migranti aveva suscitato un grande clamore mediatico e nel luogo del presunto stupro si era svolto anche un sit-in, organizzato da associazioni e dalla società civile.

Due persone furono fermate nelle ore successive alla denuncia, ma fortunatamente le indagini degli inquirenti hanno impedito l’arresto di due innocenti.

Tags

Articoli correlati