CronacaPrimo Piano

Bambina morta nell’incidente in slittino: il cartello “slittini vietati” era solo in tedesco

Indagati la madre della bambina e un responsabile della società che gestisce il comprensorio sciistico

È polemica sul cartello che, posto all’inizio della pista nera del Renon dove ha perso la vita una bambina di 8 anni in un incidente con lo slittino, avvisa del divieto dell’utilizzo di slittini solo in lingua tedesca e senza simboli esplicativi. Un cartello verticale esplicativo con il simbolo di divieto alle slitte sarebbe stato posto più un basso, a circa cento metri sotto, a discesa già iniziata.

Intanto gli inquirenti hanno sequestrato la pista nera “Schwarzsee 2” su cui è avvenuto l’incidente e ieri è stato effettuato un sopralluogo dal pm di turno, Luisa Mosna. Hanno inoltre iscritto due persone nel registro degli indagati: si tratta della madre della bambina, la 38enne Renata Dyakowska, e di un responsabile della società che gestisce il comprensorio sciistico del Corno del Renon.

Tags

Articoli correlati