CronacaPrimo Piano

Assassino Stefano Leo libero, il ministero della Giustizia studia il caso

Said Mechaquat ha confessato il delitto del ragazzo di Torino. Il marocchino non doveva essere libero perché condannato a un anno e sei mesi di carcere

Said Mechaquat, assassino reo confesso di Stefano Leo, non avrebbe dovuto essere libero poiché condannato a un anno e sei mesi di carcere per violenze in famiglia. Sulle circostanze che lo hanno lasciato a piede libero, il ministero della Giustizia sta studiando e acquisendo informazioni. Secondo quanto appreso dall’ANSA, non è escluso che il ministero possa concretamente attivarsi nelle prossime ore.

Tags

Articoli correlati