CronacaPrimo Piano

Appalti e tangenti, iniziati gli interrogatori per gli indagati

Oggi verranno ascoltati i 12 indagati finiti in carcere, più avanti gli altri

Sono iniziati stamani gli interrogatori di garanzia davanti al gip degli indagati finiti in carcere nella maxi indagine della Dda di Milano su un giro di tangenti, appalti, nomine pilotate e finanziamenti illeciti ai partiti.
Oggi, tra San Vittore e Opera, verranno ascoltate le 12 persone finite in carcere, tra cui il consigliere comunale milanese e ormai ex vice coordinatore lombardo di FI (il partito ha sospeso le cariche dei dirigenti coinvolti) Pietro Tatarella, candidato alle Europee, accusato di associazione per delinquere e corruzione, l’ex coordinatore provinciale FI a Varese, Gioacchino Caianiello, e l’imprenditore del settore rifiuti e bonifiche Daniele D’Alfonso (che avrebbe dato lavoro agli uomini della cosca Molluso), della Ecol-Service.
Per gli indagati ai domiciliari, tra cui Fabio Altitonante, sottosegretario all’area Expo della Regione (ora sospeso), gli interrogatori si svolgeranno nei prossimi giorni.

Tags

Articoli correlati