Cronaca

Amanda Knox al Festival Giustizia Penale, Sollecito: “Non c’è nulla di male, siamo vittime”

L'ex fidanzato dell'americana lamenta i danni personali causati dalla vicenda

Mentre Amanda Knox è tornata in Italia per prendere parte a Modena a un convegno sull’errore giudiziario, Raffaele Sollecito ai microfoni di “Adnkronos” ricorda a tutti che sia lui che la sua ex fidanzata Amanda sono vittime del caso Meredith Kercher: “Io e Amanda siamo vittime e da persone libere abbiamo diritto a partecipare ai convegni ai quali ci invitano”. “Anche l’avvocato di Meredith – prosegue Sollecito – si presenta a tutti i convegni in cui si parla del caso, è successo anche a me. Siamo vittime, non ci vedo nulla di inopportuno”.

Sollecito, prima accusato e poi assolto insieme ad Amanda per l’omicidio della giovane studentessa inglese a Perugia, lamenta poi i danni personali causati dalla vicenda: “Non la vivo bene, come qualsiasi altra persona al mio posto. Il problema è che nessuno mi ha chiesto scusa, nessuno ha cercato di riabilitare la mia figura a livello sociale. Sostanzialmente me la sono dovuta cavare da solo”.

 

Tags

Articoli correlati