AmbienteCronacaPrimo Piano

I riscaldamenti sono ancora spenti, ma è già allarme smog: le città più inquinate

L'allarme arriva da Legambiente, che nel nuovo dossier classifica le città più inquinate d'Italia nel 2019

Gli impianti di riscaldamento non sono ancora accesi, ma lo smog è già un problema: a dare l’allarme è Legambiente, che nel nuovo dossier Mal’Aria di città 2019, di cui il Corriere ha pubblicato un’anticipazione. Il rapporto svela quali sono le città d’Italia che, dall’inizio dell’anno, hanno sforato più di frequente i limiti di Pm10 previsti dalle norme.

Quando alla fine dell’anno mancano ancora 91 giorni, sono già molte le città italiane che hanno superato i 35 giorni di sforamento annuali di Pm10, la cui concentrazione nell’aria non dovrebbe mai oltrepassare i 50 microgrammi al metro cubo. A spiccare tra le città più inquinate d’Italia sono soprattutto le città del Nord: secondo i dati registrati fino a settembre la maglia nera spetta a Torino, che ha già superato i limiti di Pm10 per 55 giorni, seguita da Alessandria con 53 giorni e da Milano (52). Nella classifica delle città con più smog anche Cremona e Rovigo (entrambe con 51 giorni), Pavia e Verona (50), Venezia (48), Padova e Vicenza (47), Asti e Treviso (45), Frosinone (44), Mantova (42), Ferrara (41) e Lodi (38).

Tags

Articoli correlati