CronacaPrimo Piano

Affidi illeciti, il sindaco di Bibbiano chiede di essere di liberato

Il sindaco ha inoltre ribadito la volontà di non dimettersi

Il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti, ora agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta sugli affidi illeciti e sospeso dalla carica di sindaco dal prefetto di Reggio Emilia, ha chiesto la revoca degli arresti. Lo ha fatto presentando, tramite l’avvocato, una memoria al gip. Il sindaco ha inoltre ribadito la volontà di non dimettersi.

Come riportato dalla stampa locale, Carletti ha ribadito la sua innocenza puntando a smontare le accuse di abuso d’ufficio e di falso ideologico. Secondo la memoria, la gara per affidare i servizi agli psicoterapeuti dell’assocazione ‘Hansel e Gretel’ sono stati fatti alla luce del sole e non era necessaria una procedura a evidenza pubblica perché si tratta di coprogettazione, una pratica prevista dalla legge.

Carletti ribadisce peraltro che è coinvolto nell’inchiesta come sindaco di Bibbiano, ma come delegato ai servizi sociali dal presidente dell’Unione dei Comuni della Val d’Enza. Il gip dovrà decidere entro cinque giorni.

Tags

Articoli correlati