Cronaca

1 maggio: Cei, non dimentichiamo i morti sul lavoro

ROMA, 01 MAG – “La guerra in Ucraina ha spento i riflettori sulle morti bianche. Col rischio di dimenticare. E la damnatio memoriae è una seconda uccisione”. Lo dice don Bruno Bignami, direttore Ufficio nazionale Cei per i problemi sociali e il lavoro, in un intervento sul Sir per il Primo Maggio. Don Bignami sottolinea che “continuano le morti bianche. I dati Inail 2021 parlano di 1221 vittime, senza contare gli infortuni non dichiarati perché avvenuti in contesti di lavoro nero o all’interno di forme di illegalità. I primi due mesi di questo anno raccontano di un aumento del 47,6% degli incidenti. Non c’è da sorridere”. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati