Intrattenimento

Star Wars versione Lego in nuova avventura per Feste

ROMA, 16 NOV – Quarantadue anni fa Guerre stellari aveva avuto anche un capitolo spin-off live action con inserti animati per le feste in tv (tanto sbeffeggiato da diventare a suo modo cult), interpretato dal cast originale, chiamato Star Wars Holiday Special. Ora l’universo creato da George Lucas propone di nuovo una storia ad hoc molto più ambiziosa per le Feste, che unisce attraverso l’animazione la saga ai pupazzetti e mattoncini più famosi al mondo (un sodalizio creato dalla linea tematica di giocattoli e già lanciato in cgi con una una serie animata e i videogame). E’ ‘Lego Star Wars – Christmas Special’ di Ken Cunningham disponibile su Disney+ dal 17 novembre. Nel cast di voci star dei film come Kelly Marie Tran (Rose), Billy Dee Williams (Lando Calrissian) e Anthony Daniels (C-3PO) insieme a veterani della serie Star Wars: The Clone Wars Matt Lanter (Anakin Skywalker), Tom Kane (Yoda, Qui-Gon Jinn) e James Arnold Taylor (Obi-Wan Kenobi). I 46 minuti della storia, ambientata subito dopo Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, parte dalla decisione di Rey di andare a cercare, insieme a BB-8, la chiave del passato della galassia che possa aiutarla a preparare Finn per diventare uno Jedi. Il tutto mentre i suoi amici (guidati da un particolarmente sfortunato Poe Dameron con tanto di maglione da Feste nello spazio) preparano la grande festa per il loro ‘Life Day’. Tra divertimento, combattimenti e scene spettacolari, inizia così per la Jedi un viaggio fra passato e presente nella galassia. Si parte dal ‘training’ del giovane Luke Skywalker con Yoda agli incontri con Obi Wan-Kenobi, Anakin e Ian Solo. Quando però anche i ‘cattivi’ Darth Vader e Palpatine scoprono il ‘portale’ temporale parte un vortice di di incontri, alleanze e scontri dei personaggi che si mescolano in diverse età. “Normalmente ci si preoccupa con le diverse storie di preservare questa straordinaria galassia in modo che rimanga coesa – ha spiegato il produttore esecutivo James Waugh a Entertainment Weekly -. E’ stato liberatorio farlo in una maniera che fosse affascinante e divertente”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati