Intrattenimento

Simona Ventura, a Venezia con docu su Bergamo e la speranza

ROMA, 28 LUG – “Essere scelti per una mostra cosi blasonata rappresenta un sogno che si realizza: è la dimostrazione di un grande lavoro di squadra fatto in tempi record, un motivo di orgoglio. Ho scelto di fare la mia prima regia perché avevo voglia di raccontare il mio punto di vista su un fatto che ha segnato profondamente le nostre vite”. Alla Mostra del Cinema di Venezia sarà nelle proiezioni speciali ‘Le 7 giornate di Bergamo’, il docufilm diretto da Simona Ventura dedicato alla costruzione in tempi record dell’ospedale alla Fiera di Bergamo per combattere il Covid grazie alla forza di volontà di un gruppo di individui che uniti hanno realizzato qualcosa di grandioso, salvando 700 persone. L’ennesima trasformazione di una professionista che non ha mai avuto paura di lanciarsi in mondi apparentemente lontanissimi da lei. Un momento di ritrovata grazia per ‘Supersimo’: dopo il battesimo veneziano sarà al timone, a partire da settembre, del nuovo programma domenicale di Rai2 – andrà in onda dalle 11 alle 13 – con l’amica Paola Perego, Citofonare Rai2: “Partirà a fine settembre la domenica: mica pensavate davvero che mi fossi ritirata”, ironizza la conduttrice. Tornando a ‘Le 7 giornate di Bergamo’, di cosa parla e come è nato questo progetto? “Quando facevo la giornalista sportiva – risponde Simona Ventura – tanti anni fa mi montavo sempre i pezzi da sola Confesso, ho sempre amato il racconto per immagini più che attraverso le parole. Il docufilm la costruzione dell’ospedale in appena 7 giorni, sulla spinta dell’immane forza, volontà e disperazione di un gruppo di Alpini guidati da Sergio Rizzini e coadiuvati da artigiani, imprenditori e tifosi dell’Atalanta. “Persone, se ci pensiamo, incredibili, e diversissime tra di loro, ma unite. Perché il messaggio è questo: se ci uniamo, nulla può fermarci. Importante, oggi più che mai, proprio adesso che guardiamo alla ripartenza, alla speranza, dobbiamo essere uniti, non divisi perché abbiamo dato, abbiamo pianto, siamo stati in ginocchio, abbiamo perso, è arrivato il momento di guardare in avanti”. Un documentario che, Ventura tiene a sottolineare, non sarebbe riuscita a realizzare “senza l’appoggio di Luigi e Ambrogio Crespi, di Giacomo Pellegrinelli”. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati