Intrattenimento

Rhaenyra e Alicent, noi donne contro il potere misogino

LONDRA, 16 AGO – Sono cresciute a braccetto nell’atmosfera rarefatta della Fortezza Rossa, che è il cuore del racconto, e sono legate indissolubilmente, fino a quando i meccanismi patriarcali del potere le metteranno l’una contro l’altra. Tra i personaggi centrali di ‘House of the Dragon’ – il prequel del ‘Trono di Spade’ in onda in esclusiva su Sky e in streaming solo su Now dal 22 agosto in contemporanea assoluta con Hbo – ci sono Rhaenyra Targaryen, primogenita del re Viserys, interpretata da Milly Alcock da ragazza e poi da Emma D’Arcy da adulta, e Alicent Hightower, la figlia del braccio destro del sovrano, a cui danno il volto Emily Carey e Olivia Cooke. “Come abbiamo esplorato questa dinamica? Intanto siamo amiche davvero e sul set tutto è avvenuto in modo organico”, risponde con un sorriso Emily Carey alla roundtable con i giornalisti a Londra, in occasione della premiere europea della serie. “La tua migliore amica, a 14 anni, è forse la persone più vicina a te che esista, e pensi che lo sarà per tutta la vita”. Il loro rapporto ha qualcosa di platonico e romantico insieme: “Fra loro – sottolinea l’attrice – c’è una sorta di attrazione, uno scambio anche tattile, sono legate incredibilmente”. Tra le critiche più frequenti mosse all’universo immaginifico creato da Martin c’è senz’altro la misoginia del potere: “E’ vero – ammette Carey -. E’ presente perché è necessario che ci sia, l’impegno è stato quello di essere fedeli alla storia, di mostrare la verità dei fatti. Le donne non osavano neanche avere una vita felice”. “Non credo che all’epoca la situazione fosse molto favorevole per le donne”, le fa eco Milly Alcock, che al suo personaggio regala però determinazione e intraprendenza: la giovane Rhaenyra, erede designata al Trono di Spade, è infatti un’abile cavalcatrice di draghi, stretta nel suo stiloso abito da caccia. “Cavalcare il suo drago è per lei un modo per avvicinarsi al potere e alla libertà che hanno gli uomini”, sottolinea l’attrice. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati