Intrattenimento

P.S. Berlusconi, le Iene? Non deve più succedere

COLOGNO MONZESE, 10 NOV – Un caso come quello dei suicidi del 64enne Roberto Zaccaria e del 24enne Daniele, coinvolti nella vicenda raccontata dalle Iene su Italia 1 e finita nel mirino della procura di Forlì “non deve più succedere”. Ne è convinto Pier Silvio Berlusconi, ad di Mediaset. “E’ una vicenda che tocca la mia sensibilità: noi facciamo una tv che si occupa di tutti i temi, anche di cronaca, e nel farlo capita di andare oltre ciò che è editorialmente giusto”, ha sottolineato rispondendo alle domande dei cronisti a Cologno Monzese. “Penso che dovremo alzare il livello di attenzione e sensibilità ulteriormente”. Berlusconi ha anche parlato del settore editoriale. “Adesso c’è il nuovo governo: lasciamolo in pace, ha mille problemi da affrontare, ma penso che l’editoria nazionale debba essere tenuta in altissima considerazione, da parte di chiunque sia al governo in Italia e nei singoli paesi europei. Oggi è tutelata? Forse sì. Lo è abbastanza? Forse no”. La richiesta dell’ad di Mediaset all’esecutivo è “farci almeno lavorare con parità di condizioni rispetto ai mostri del web, big tech, Ott, che occupano pochissimo, hanno un livello di tasse regolato a livello europeo ben più vantaggioso rispetto alle aziende italiane” e per di più “licenziano migliaia di persone”. “Rispetto al lancio della nuova stagione, siamo diventati ancora più forti dal punto di vista degli ascolti, centrando risultati che hanno dello straordinario – ha detto ancora -. Knock on wood, per dirla scaramanticamente con gli inglesi”. L’autunno ha visto Cologno Monzese superare nelle 24 ore la Rai, con il 40.9% di share (dal 4 settembre al 5 novembre) rispetto al 30.7% di Viale Mazzini. “Risultati davvero ottimi”, nonostante “il periodo tostissimo” legato tra l’altro “all’aumento dei tassi di interesse e al caro energia”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati