Intrattenimento

Oscar 2021, la cerimonia nell’epoca Covid: tutte le novità

La notte degli Oscar 2021 è finalmente alle porte e nonostante le prime indiscrezioni, i produttori Stacey Sher, Jesse Collins e Oscar Steven Soderbergh confermano che la 93esima edizione degli Academy Awards non avrà niente a che vedere con i Golden Globe appena celebrati via Zoom.

La cerimonia sarà infatti in presenza anche se con un numero di ospiti ridotto di oltre la metà. Dal vivo parteciperanno i registi, gli attori e i professionisti del cinema candidati e tutti saranno tenuti a rispettare protocolli e norme sanitarie per garantire lo svolgimento dell’evento in totale sicurezza. Sarà anche previsto un team che si occuperà solo del controllo sanitario effettuando test in loco.

L’evento verrà celebrato domenica 25 aprile straordinariamente in due diverse location: al Dolby Theatre e alla Union Station di Los Angeles, così da riuscire a dividere le presenze in due spazi differenti.
Nessuna celebrity, insomma, ritirerà il premio virtualmente dal proprio divano in pantofole e paillettes.
A causa della pandemia la cerimonia verrà celebrata due mesi dopo la data prevista. Il ritardo è dovuto dalla valutazione dell’andamento dell’epidemia e dei continui cambi di programma circa le modalità di svolgimento.

Fino all’ultimo gli occhi saranno puntati sul meteo, un aspetto determinante per la buona riuscita di questa serata: il red carpet degli Oscar dovrebbe infatti svolgersi all’aperto.
A causa degli effetti devastanti dovuti dalla pandemia nel settore cinematografico, saranno ammessi anche i film non usciti in sala ma distribuiti direttamente in streaming.

Oscar 2021 da record

Questa edizione degli Oscar si preannuncia da record: è la prima volta che due donne sono candidate al premio per la Miglior regia. Focus d’obbligo sulle nomination italiane: Pinocchio di Matteo Garrone è in lista per i premi “Migliori costumi” e “Miglior trucco”. Laura Pausini invece è candidata per ‘’la Miglior canzone’’ con Io sì, brano tratto da ‘’La vita davanti a sé’’ di Edoardo Ponti, con testo di Laura Pausini e Niccolò Agliardi e musiche di Diane Warren.
Dunque il Covid non riuscirà ad abbassare gli standard della scintillante notte degli Oscar. Stile ed eleganza non mancheranno in occasione della cerimonia che premierà i film più belli usciti nel 2020.

A cura di Martina Hamdy

Articoli correlati