Intrattenimento

Mario Martone, una ‘porticina’ mi ha reso regista

ROMA, 19 OTT – C’è una ‘porticina’ nel palazzo di Napoli dove abitava coi genitori che ha spinto Mario Martone a passare dal teatro al cinema, era quella dell’abitazione di Renato Caccioppoli che diventerà poi il protagonista di MORTE DI UN MATEMATICO NAPOLETANO, il suo primo film. Nessuna parola invece da parte del regista sulla scelta di NOSTALGIA da parte dell’Italia per la lunga corsa agli Oscar. Questa, in estrema sintesi, la masterclass di Mario Martone alla Festa di Roma. “A Napoli, dove sono nato e dove facevo teatro d’avanguardia, qualcuno un giorno mi parlò di questa figura di Renato Caccioppoli, matematico e musicista. Su di lui – ha raccontato Martone – non c’era nulla di scritto, ma solo tanti racconti. Aveva abitato nel palazzo dove era vissuto il matematico e si era sparato. La mia stanza si affacciava sulla piccola porta d’ingresso del suo appartamento. Tra le coincidenze poi c’era quella che Caccioppoli si era suicidato nel 1959, nello stesso anno in cui ero nato”. E ancora Martone: “Pasolini diceva che il cinema è l’arte della realtà e io volevo raccontare questa storia con la giusta verità. E quella porticina è stata come l’inizio della mia creatività cinematografica”. Sempre riguardo a UN MATEMATICO NAPOLETANO, ha spiegato il regista in una sala strapiena di ragazzi: “Non avevo mai girato un film, né avevo fatto alcuna scuola di cinema. Ero stato solo un giorno sul set di un film di Bolognini, mio amico, per capire almeno di cosa si trattasse. Volevo però Carlo Cecchi come protagonista e raccontare solo l’ultimo giorno di questo matematico. Poi quell’unico giorno divenne una settimana e arrivarono anche i primi soldi: 500 milioni di lire”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati