Intrattenimento

Hanks, fascino di Pinocchio? E’ una favola dark

ROMA, 08 SET – ”Il fascino della favola di Pinocchio? Penso vanga dal fatto che sia dark. Walt (Disney) capiva che gli aspetti dark delle favole fossero molto importanti nell’apparato della narrazione”. Pinocchio lascia la sicurezza della sua casa e il padre che lo ama, si lancia e si mette in pericolo”. Parola di Tom Hanks, volto di Geppetto in Pinocchio, nuovo adattamento della favola di Collodi in versione live action e cgi firmata Robert Zemeckis, che ha appena debuttato su Disney+, come uno degli eventi nel Disney+ day, la giornata in cui la piattaforma offre premiere, contenuti in anteprima e chicche legati ai sui principali successi. Nel cast del film con Tom Hanks (qui al quarto film con Zemeckis), ci sono Benjamin Evan Ainsworth per Pinocchio, Joseph Gordon-Levitt (Grillo Parlante) , Cynthia Erivo nei panni della Fata Turchina, uno strepitoso Giuseppe Battison nel ruolo di Mangiafuoco. Il film di Zemeckis arriva a 82 anni dal debutto della versione animata cult, vincitrice di due Oscar, per la colonna sonora e la migliore canzone (When you wish upon a star). Il racconto mantiene molte delle variazioni dalla favola originale del cartone animato a cui si rende omaggio soprattutto nell’aspetto del burattino. “Walt Disney era davvero brillante. Ha sempre cercato di realizzare film animati da storie praticamente impossibili da realizzare in live action – spiega Zemeckis -. Pinocchio rientrava perfettamente in questa linea”. Quello Disney “è uno dei lungometraggi animati più belli, se non il più bello, mai realizzato. Ma grazie al cinema digitale, il burattino può essere tridimensionale e mi è venuto in mente che si sarebbe potuta fare una versione molto plausibile di Pinocchio come film live action”. Per la sfida di musiche che unissero i classici del cartoon Disney a nuovi brani, Zemeckis si è rivolto ancora una volta a Alan Silvestri (qui al 19/o film con il regista), che ha rinnovato per Pinocchio il sodalizio con un creatore di hit come Glen Ballard: “Volevamo unire qualcosa di fresco – spiegano i compositori – che venisse dal cuore, ad alcuni classici del film animato”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati