Intrattenimento

Europei: pieno di ascolti per Rai e Sky, ma la platea cala

ROMA, 30 GIU – Gli azzurri di Roberto Mancini si preparano ad affrontare venerdì 2 luglio il Belgio ai quarti di finale degli Europei, forti anche di un ascolto medio complessivo raccolto finora in tv, tra Rai e Sky, di 14,4 milioni di spettatori. Se il match vale l’accesso alle semifinali, per l’Italia c’è una sfida in più: superare quei 18 milioni 981 mila spettatori, pari al 64,5% di share, che agli scorsi Europei, il 13 giugno 2016, seguirono l’incontro con il Belgio. Un valore che fu poi superato soltanto dalla semifinale Italia-Germania (19,7 milioni di spettatori). Finora – stando alle rilevazioni dello Studio Frasi – Euro 2020 produce meno ascolti rispetto a cinque anni fa; nei quattro incontri disputati finora dalla Nazionale, mancano all’appello 2,7 milioni di appassionati. In parte il calo si spiega con la diminuzione dell’audience totale: nel confronto con il 2016 dai gironi eliminatori alla fine degli ottavi (10-28 giugno 2016 vs 11-29 giugno 2021) l’ascolto di prima serata scende di ben 2,5 milioni, ma anche rispetto agli stessi giorni dello scorso anno il calo è consistente (-1,5 milioni di persone in prima serata e -2,1 milioni rispetto ai 19 giorni precedenti all’inizio degli Europei). Rai e Sky, però, che hanno i diritti delle partite, guadagnano ampiamente: tra gironi ed ottavi di finale (11-29 giugno) l’audience della Rai cresce di 1,1 milioni sullo scorso anno, pari a 8 punti di share in più, l’insieme dei canali Sky sale di 212mila spettatori. Resta però l’occasione ghiotta di seguire gli azzurri in 4k e in Hdr, cioè su televisori di ultima generazione: i possessori di smart tv e di televisori di alta gamma stanno seguendo le partite con quote d’ascolto più elevate del resto della popolazione. Il record spetta a Tivùsat, la piattaforma gratuita, di proprietà di Rai, Mediaset e La7, i cui abbonati con televisori superiori ai 45 pollici registrano sulle partite uno share del 66,4% (a fronte di una media del 55,9%). (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati