Intrattenimento

Cops, la banda di poliziotti più pazza d’Italia

ROMA, 12 DIC – Buoni “che fanno i cattivi per salvare il posto di lavoro”. Così Claudio Bisio riassume l’innesco per le disavventure dei protagonisti di Cops – Una banda di poliziotti, la commedia Sky Original in due appuntamenti diretta da Luca Miniero, prodotta da Sky e Banijay Italia, al debutto lunedì 14 e 21 dicembre (l’intenzione è continuare il racconto nelle prossime stagioni) su Sky Cinema. Nel cast corale oltre a Bisio ci sono, fra gli altri, Pietro Sermonti, Francesco Mandelli, Dino Abbrescia, Giulia Bevilacqua, Guglielmo Poggi e Giovanni Esposito. E’ una action comedy con un po’ di giallo e comicità anche demenziale che riadatta un film svedese del 2003, Kops di Josef Fares. Protagonisti alcuni poliziotti che, per evitare la chiusura del loro commissariato, in un cittadina troppo tranquilla, decidono di darsi a qualche piccolo crimine, per agitare le acque. L’azione qui si sposta dalla Svezia alla provincia pugliese, in un’immaginaria cittadina, Apulia. A godersi la calma sono fra gli altri il non troppo sveglio sovrintendente Nicola Gargiulo, detto per il fisico O’Sicc (Sermonti), sposato alla sovrintendente generosa e forte Maria Crocifissa (Bevilacqua); il folle Benny the Cop (Mandelli) che pensa, parla e agisce da ‘sbirro’ di un poliziesco americano; il centralinista gay Tommaso (Poggi) che si sente perennemente bersaglio di allusioni omofobe. A guidare il gruppo, abituato a riunirsi davanti al chioschetto di panini di Tonino (Abbrescia), che nasconde un segreto, arriva il commissario Valerio Cinardi (Bisio), in cerca di tranquillità dopo una carriera in prima linea. Per loro l’arrivo dell’integerrima emissaria del ministero Margherita Nardelli (Rocca) con le sue brutte notizie, ha l’effetto di un terremoto. “L’adattamento al sud veniva abbastanza spontaneo – spiega Miniero – volevamo mostrare sia geograficamente che umanamente un mondo imperfetto. E’ anche una parodia sul genere poliziesco, che ha invaso le nostre tv”. C’è chi ha citato, “parlando di Cops, La pallottola spuntata o Scuola di polizia – dice Bisio -. A me piace moltissimo anche l’aspetto demenziale. Con queste premesse, ci sono tutti gli elementi per andare avanti”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati