Intrattenimento

Concerto per Dante, Muti e il nume tutelare di Ravenna

RAVENNA, 13 SET – La porta della tomba di Dante a Ravenna è sempre aperta, giorno e notte, e lo è stata anche nei giorni più bui della pandemia, quasi che la sua poesia possa essere un rifugio e una protezione per la città. Un legame forte, consolidato da una necessaria ricerca di punti di riferimento artistici e spirituali che la figura di Dante ha accresciuto in questo anno di celebrazioni. Dante insomma inteso come una summa di valori che travalica la parola scritta per diventare essenza dell’espressione umana come quella condensata non a caso nel “Concerto per Dante” diretto da Riccardo Muti a partire da Ravenna, città che gli rende omaggio in ogni angolo, il 12 settembre nei giardini pubblici davanti alla Loggetta Lombardesca, poi a Firenze il 13 settembre al Teatro del Maggio e infine a Verona il 15 settembre al Teatro filarmonico. Un concerto che è un trittico di ispirazioni diverse, un ventaglio di sfumature e per questo imperdibile, mettendo insieme Verdi, Mansurian e Liszt nella loro passione per la Divina Commedia. Riccardo Muti con la sua consueta sensibilità ed energia dirige l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, con l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e il Coro del Maggio (maestro del coro Lorenzo Fratini). Si parte con l’assoluta levità della preghiera di San Bernardo alla Madonna, in un quasi irriconoscibile Giuseppe Verdi (1813-1901), per passare poi al Purgatorio che il Ravenna Festival ha commissionato a Tigran Mansurian (1939), in prima italiana a Ravenna. Infine Franz Liszt (1811-1886) e la sua meravigliosa Dante-Symphonie, da Dante Alighieri, S 109. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati