CinemaPrimo Piano

David di Donatello 2019, trionfa ‘Dogman’ di Matteo Garrone. Tutti i vincitori

Grande successo anche per 'Sulla Mia Pelle' di Cremonini, film incentrato sulla storia di Stefano Cucchi

I David di Donatello 2019, che si sono svolti ieri sera con diretta su Rai 1, hanno decretato il gran successo di ‘Dogman’ di Matteo Garrone. ‘Sulla Mia Pelle’ di Alessio Cremonini, film incentrato sulla storia di Stefano Cucchi, ha visto trionfare l’attore protagonista Alessandro Borghi che ha dedicato il premio al ragazzo romano morto il 22 ottobre 2009. David Speciali a Uma Thurman, Dario Argento e Francesca Lo Schiavo. David alla Carriera per il regista Tim Burton, che oggi vedrà esordire al cinema ‘Dumbo’, sua ultima pellicola.

Miglior film: ‘Dogman’ di Matteo Garrone.

Miglior regia: Matteo Garrone per ‘Dogman’.

Miglior regista esordiente: Alessio Cremonini per ‘Sulla mia

pelle’.

Miglior attore protagonista: Alessandro Borghi (‘Sulla mia

pelle’ di Alessio Cremonini).

Miglior attrice protagonista: Elena Sofia Ricci (‘Loro’ di

Paolo Sorrentino).

Miglior attore non protagonista: Edoardo Pesce (‘Dogman’ di

Matteo Garrone).

Miglior attrice non protagonista: Marina Confalone (‘Il vizio

della speranza’ di Edoardo De Angelis)

Miglior sceneggiatura originale: Matteo Garrone, Massimo

Gaudioso e Ugo Chiti (‘Dogman’)

Miglior sceneggiatura non originale: James Ivory, Luca

Guadagnino e Walter Fasano (‘Chiamami col tuo nome’ di Luca

Guadagnino)

Miglior produttore: Cinemaundici e Lucky Red.

Miglior autore della fotografia: Nicolaj Bruel (‘Dogman’ di

Matteo Garrone).

Miglior musicista: Sascha Ring e Philipp Thimm

(‘Capri-Revolution’ di Mario Martone)

Miglior canzone originale: ‘Mistery of love’ di Susfjan

Stevens (‘Chiamami col tuo nome’ di Luca Guadagnino)

Miglior scenografo: Dimitri Capuani (‘Dogman’ di Matteo

Garrone).

Miglior costumista: Ursula Patzak (‘Capri-Revolution’ di

Mario Martone).

Miglior truccatore: Dalia Colli e Lorenzo Tamburini (‘Dogman’

di Matteo Garrone).

Miglior acconciatore: Aldo Signoretti (‘Loro’ di Paolo

Sorrentino)

Miglior montatore: Marco Spoletini (‘Dogman’ di Matteo

Garrone).

Miglior suono: Maricetta Lombardo, Alessandro Molaioli,

Davide Favargiotti, Mauro Eusepui, Mirko Perri e Michele

Mazzucco (‘Dogman’ di Matteo Garrone).

Migliori effetti visivi: Victor Perez (‘Il ragazzo invisibile – Seconda generazione’ di Gabriele Salvatores).

Miglior documentario: ‘Santiago, Italia’ di Nanni Moretti

Miglior film straniero: ‘Roma’ di Alfonso Cuaron

Miglior cortometraggio: ‘Frontiera’ di Alessandro Di Gregorio

Premio David Giovani: ‘Sulla mia pelle’ di Alessio Cremonini

Tags

Articoli correlati