Intrattenimento

Banderas, i 60 anni di Zorro tra dolore e gloria

ROMA, 09 AGO – Compie 60 anni il 10 agosto Josè Antonio Domínguez Bandera, conosciuto in tutto il mondo come Antonio Banderas. Nato a Malaga, da qui è partito a 19 anni con in tasca il diploma della scuola d’arte drammatica e la delusione per una mancata carriera da calciatore nel club cittadino a causa di una frattura al piede. La sorte gli fa incontrare un fratello maggiore d’elezione, Pedro Almodovar: tra i due la corrispondenza artistica è immediata e nel 1982 sono insieme sul set di “Labirinto di passioni”. Le collaborazioni con il regista sono per ora sette (più un cameo) e scandiscono la sua carriera: c’era in “Matador” e ne “La legge del desiderio”, si è conquistato l’attenzione internazionale con “Donne sull’orlo di una crisi di nervi” (1988) e dopo “Legami” dell’anno successivo ha lasciato l’Europa per l’America grazie all’immagine che il suo pigmalione gli aveva cucito addosso: un mix di testosterone, gentilezza, forza ironica e istrionismo controllato. Ma nel 2011 da Almodovar è tornato (“La piel che habito”) per ricostruire un legame con le sue radici e otto anni dopo – facendosi “doppio” del suo maestro davanti alla cinepresa – ha conquistato con “Dolor y Gloria” prima la Palma d’oro a Cannes e poi la nomination all’Oscar (una primizia nel suo palmarès). Nel frattempo era diventato una promessa e poi un “valore sicuro” del cinema d’evasione di stampo hollywoodiano. Ha lavorato con i grandi come Jonathan Demme (l’applaudito “Philadephia” ancora nei panni di un gay), Neil Jordan (“Intervista col vampiro”), Alan Parker (“Evita”), De Palma (“Femme fatale”), perfino Woody Allen (“Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni”), ha stretto un’amicizia di ferro con Robert Rodriguez da “Desperado” a “Spy Kids”, ha attraversato tutti i generi (pur con la nostalgia di aver fatto più action che comedy), ma è con “La maschera di Zorro” (1998) di Martin Campbell che è diventato una vera star. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati