Intrattenimento

Anna, una serie pandemica senza adulti

ROMA, 12 APR – “Se c’è un morale in Anna è quanto conta il passato, non c’è futuro senza memoria, Anna, contrariamente ai suoi coetanei, lo conosce grazie al quaderno della madre che le dice di continuare a ricordare. Noi stessi abbiamo appreso grazie alla scrittura quello che ci hanno lasciato in eredità”. Una Sicilia abbandonata, riconsegnata alla natura e senza più adulti, è la bellissima e decadente cornice della storia raccontata da Anna, la serie Sky Original creata e diretta da Niccolò Ammaniti: esordirà il 23 aprile, con i sei episodi subito disponibili su Sky e NOW. Anna è il secondo progetto per la tv dello scrittore Premio Strega (per Come Dio comanda, 2015), ancora con Sky dopo il successo de Il Miracolo. Dal romanzo omonimo di Ammaniti edito da Einaudi, Anna è il distopico racconto di un mondo distrutto da un pandemia che colpisce solo gli adulti e dell’incredibile viaggio che la giovanissima protagonista dovrà affrontare. A preserva il volto è l’esordiente Giulia Dragotto (14 anni), tenace e coraggiosa, che parte alla ricerca del fratellino rapito, Astor (Alessandro Pecorella, 9 anni, anche lui alla sua prima apparizione in tv). Fra campi arsi e boschi misteriosi, ruderi di centri commerciali e città abbandonate, Anna ha come guida il quaderno che le ha lasciato la mamma (interpretata da una straordinaria Elena Lietti – Il Miracolo), il libro delle cose importanti. Nel cast anche gli esordienti Clara Tramontano e Giovanni Mavilla, nei panni rispettivamente di Angelica e Pietro, personaggi che Anna incontrerà nel suo cammino, e Roberta Mattei. Ammaniti ha scritto la serie con Francesca Manieri. Commissionata da Sky Studios per Sky Italia, è prodotta da Mario Gianani e Lorenzo Mieli con Lorenzo Gangarossa per Wildside, società del gruppo Fremantle, in coproduzione con ARTE France, The New Life Company e Kwaè. Fremantle è il distributore internazionale. Il caso ha voluto che le riprese della serie iniziassero pochi mesi prima che il Covid-19 arrivasse in Italia. Come spiega lo stesso Ammaniti, il virus che scatena la “Rossa” ovviamente è stato solo “il punto di partenza per creare una situazione paradossale nella quale ci fossero solo bambini al mondo”. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati