Esteri

Usa, scoperte carte classificate in un ex ufficio di Biden

WASHINGTON, 09 GEN – Diversi documenti classificati di quando Joe Biden era vicepresidente americano sono stati trovati dai suoi avvocati in un ufficio che usava al Penn Biden Center, un think tank di Washington, quando era professore onorario della University of Pennsylvania (2017-2019). Lo riferiscono i media Usa. La scoperta risale al 2 novembre, poco prima delle elezioni di Midterm. Il giorno stesso gli avvocati di Biden hanno informato gli Archivi nazionali, che hanno preso possesso del materiale e informato il dipartimento di Giustizia, che sta indagando. La notizia crea non poco imbarazzo alla Casa Bianca, perché arriva mentre il dipartimento sta indagando anche sull’abbondante mole di materiale classificato scoperto nella residenza di Mar-a-Lago di Donald Trump. Nel caso di Biden si tratterebbe di una decina di documenti che si trovavano in una cartella insieme ad altre carte non classificate e che sono stati subito restituiti, ma la ‘dimenticanza’ suscita più di qualche interrogativo. Secondo una fonte di Cbs, non conterrebbero comunque segreti nucleari. Gli avvocati del presidente li hanno scoperti mentre stavano impacchettando documenti all’interno di un armadietto chiuso per liberare lo spazio dell’ufficio usato a suo tempo da Biden. “La Casa Bianca sta cooperando con gli Archivi nazionali e il dipartimento di Giustizia sulla scoperta di quelli che appaiono come documenti dell’amministrazione Obama-Biden, compreso un piccolo numero di documenti marcati come classificati”, ha spiegato Richard Sauber, special counsel di Biden. “I documenti non erano soggetti ad alcuna precedente richiesta o indagine degli Archivi nazionali”, contrariamente quindi a quelli di Trump. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati