Esteri

Usa: reverendo Jesse Jackson in ospedale dopo caduta

NEW YORK, 02 NOV – Il reverendo Jesse Jackson, leader del movimento per la difesa dei diritti civili in America, è stato ricoverato in ospedale dopo aver battuto la testa in seguito ad una caduta. L’attivista, 80 anni, si trovava alla Howard University di Washington, storico ateneo afroamericano, per un incontro durante il quale si sarebbe dovuto discutere anche delle cattive condizioni in cui si trovano molti ambenti dell’università e i dormitori degli studenti. Secondo Rainbow PUSH Coalition, l’organizzazione da lui stesso fondata, Jackson è caduto appena entrato nel campus. Immediatamente è stato portato in ospedale dove è tutt’ora tenuto in osservazione. Non è la prima volta che le sue condizioni di salute destano preoccupazione. Lo scorso agosto lui e la moglie Jacqueline sono stati ricoverati in ospedale a causa del Covid. Nel novembre 2017 Jackson ha dichiarato di essere affetto dalla malattia di Parkinson, come già suo padre prima di lui. Nel 1984 e nel 1988 ha partecipato senza successo alle primarie democratiche per le presidenziali. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati