Esteri

Usa: negato accordo colpevolezza a killer jogger afroamericano

WASHINGTON, 01 FEB – Accogliendo la vibrata opposizione della famiglia della vittima, un giudice ha respinto l’accordo siglato con l’accusa – in un processo per violazione dei diritti civili – da due dei tre imputati bianchi condannati all’ergastolo per aver inseguito e ucciso nel febbraio 2020 il 25/enne runner afroamericano Ahmaud Arbery mentre correva nel suo quartiere in una citta’ della Georgia. Travis McMichael e suo padre Gregory McMichael avevano ammesso per la prima volta di aver ucciso Arbery per motivi razziali, in un accordo che avrebbe consentito loro di scontare la pena in un carcere federale anziché’ statale. Ma il giudice distrettuale Lisa Wood ha bocciato l’intesa dopo che i famigliari della vittima si sono opposti, sostenendo che l’intesa avrebbe reso la detenzione più facile. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati