Esteri

Usa: assalto al Congresso, incarcerati due ‘Proud boys’

ROMA, 20 APR – Un giudice federale ha ordinato che due leader del gruppo di estrema destra Usa ‘Proud Boys’ siano detenuti in carcere in attesa del processo per il loro coinvolgimento nell’attacco del 6 gennaio al Congresso. Lo riporta il Guardian. Ethan Nordean, di Washington, e Joseph Biggs, della Florida, insieme ad altri due leader locali del gruppo, sono accusati di cospirazione ai danni della certificazione delle elezioni del 2020 e di aver organizzato e guidato decine di Proud Boys a Capitol Hill. Molti di loro sono stati tra i primi a fare irruzione nella sede del Congresso e a causare violenze e danni che hanno provocato alla fine la morte di cinque persone e sconvolto l’America. Il giudice che ha deciso di incarcerare i due ha citato alcuni loro post sui social media pieni di volgarità e messaggi crittografati. In uno di questi Biggs scriveva che sarebbe stato tempo di “guerra” se i Democratici ” avessero rubato” le elezioni. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati