Esteri

Ucraina: Michel,negoziati ostici,posizione Russia aggressiva

ROMA, 20 MAR – “I negoziati in atto tra Kiev e Mosca, sono ostici, la Russia ha una posizione aggressiva nei confronti dell’Ucraina”. Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo Charles Michel a Mezz’ora in più su Rai3, sottolineando che è comunque “importante trattare sulle problematiche umanitarie, sulla sicurezza delle centrali nucleari” e “poi bisogna capire quali sono gli elementi chiave per avviare un vero e proprio processo di pace iniziando dal cessate il fuoco”. Quanto ai rapporti Ue-Russia, “abbiamo avuto dei contatti telefonici, regolari, con Putin. Noi sosteniamo l’Ucraina e non crediamo alle menzogne del Cremlino che sono alla base dell’aggressione. Putin si trova in una posizione di comando al Cremlino e volente o nolente è lui l’interlocutore dei negoziati e dobbiamo mantenere la porta aperta a Putin”. “Probabilmente – ha aggiunto Michel – i calcoli effettuati da Putin sono stati sbagliati. Putin non si aspettava una resistenza così coriacea da parte degli Ucraini. Le perdite per l’esercito russo sono ingenti e Putin non si aspettava che l’Unione europea fosse così celere e risoluta nella sua reazione. Abbiamo lanciato sanzioni che esercitano una massiccia pressione sul Cremlino”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati