Esteri

Ucraina, l’ambasciatore russo in Usa respinge le accuse su Bucha

ROMA, 04 APR – Non sono state segnalate vittime civili nella città ucraina di Bucha quando era controllata dalle forze armate russe, ma i media statunitensi hanno ignorato i bombardamenti della città da parte dell’esercito ucraino, che sono seguiti al ritiro delle truppe russe: Lo ha affermato l’ambasciatore russo a Washington, Anatoly Antonov, in risposta a una domanda di Newsweek, stando a quanto riporta la Tass. “Il ministero della Difesa russo ha completamente respinto queste false accuse”, ha sottolineato, commentando le notizie di truppe russe che avrebbero ucciso civili a Bucha. “Vorrei sottolineare che nessun civile ha subito violenze quando la città era controllata dalle forze armate russe”, ha detto Antonov. “Il fatto che le forze armate ucraine abbiano bombardato la città di Bucha subito dopo la partenza delle truppe russe è stato deliberatamente ignorato negli Stati Uniti. Questo è ciò che potrebbe aver causato vittime civili. Detto questo, il regime di Kiev sta chiaramente cercando di incolpare le sue atrocità sulla Russia”, ha aggiunto. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati