EsteriPrimo Piano

Trump all’assemblea dell’ONU: «il futuro appartiene ai patrioti, alle nazioni sovrane»

«L'immigrazione clandestina è un problema per tutti: tutte le Nazioni hanno il diritto di difendere i propri confini»

Donald Trump ha preso parola all’Assemblea generale dell’ONU. «Gli Stati Uniti è tra le Nazioni più potenti al mondo e, si spera, che non debba mai usare la sua forza. Gli Usa difendono i principi alla base della Nazione».

«In questo pianeta magnifico la verità è semplice: se si vuole pace bisogna amare la propria nazione. I leader saggi mettono sempre il bene del Paese al primo posto. Il futuro non appartiene ai globalisti, ma ai patrioti, alle nazioni sovrane».«Grazie alla nostre politiche economiche pro-crescita, la nostra economia ha visto tagli fiscali, aumento di posti di lavoro su livelli storici in soli tre anni. Gli Usa sono i primo paese produttore di combustibili fossili naturali».

«Al centro della nostra visioni di rinnovamento nazionale c’è una campagna ambiziosa per rinnovare il commercio internazionale. Il nostro obiettivo è un commercio bilanciato e giusto». Trump descrive la situazione commerciale con la Cina e dice di essere aperto a nuovi accordi con Boris Johnson. Con la Cina «non accetterò un accordo sfavorevole per gli americani». Trump parla anche della delicata situazione di Hong Kong: «desideriamo pace e collaborazione con tutte le nazioni, ma non smetterò mai di difendere gli interessi americani». Il discorso si sposta sui rapporti con l’Iran: «la violenza del regime ha subito un’escalation. Finché continuano ad arrivare minacce da parte loro, gli Usa non ritireranno le sanzioni. Tutte le nazioni hanno il dovere di agire. L’Iran dovrebbe impegnarsi a costruire il proprio Paese, mettendo al primo posto i cittadini».

«Gli Usa non hanno mai avuto nemici permanenti. Solo le nazioni più coraggiose scelgono la pace. L’obiettivo dell’America è l’armonia, non sostenere guerre infinite». «In Afghanistan continueremo a sradicare il terrorismo».

«L’immigrazione clandestina è un problema per tutti. Molte nazioni qui presenti stanno affrontando il problema dell’immigrazione e dico a tutti loro che hanno il diritto di difendere i propri confini. A chi entra negli Stati Uniti dico: non mettete i vostri figli in pericolo, non mettete a rischio la vostra vita, non pagate chi vi porterà qui. Investite nel futuro del vostro Paese: finché sarò io presidente sarà così».

«L’America non sarà una nazione socialista. Questa ideologia totalitaria insieme alle nuove tecnologie dà vita a nuove forme di oppressione. Liberà e democrazia dovrebbero essere sempre protette».

«Ai social media negli Usa chiediamo di rispettare il diritto di parola». «In America promuoviamo la comunità LGBTQ e le donne»

C
Tags

Articoli correlati