Esteri

Stati Uniti, i democratici affilano le armi: per Trump un possibile impeachment

I dem potrebbero mettere il presidente in stato d'accusa

Negli Stati Uniti i democratici affilano le armi contro il presidente repubblicano Donald Trump grazie al rapporto del procuratore speciale Robert Mueller, che apre la strada a un possibile impeachment: è ora “una possibilità”.
Anche se è ancora troppo presto per saltare a conclusioni, il partito serra le fila e si prepara a lanciare l’attacco a Donald Trump, forte della “roadmap” offerta da Mueller e nella consapevolezza che le elezioni sono fra solo 18 mesi e che potrebbe lasciare decidere agli americani, invece di spingere con la messa in stato d’accusa del presidente.
Il quadro ritratto dal procuratore speciale è, secondo i democratici, ben diverso da quello dipinto dal ministro della Giustizia William Barr. Le azioni di Trump descritte nel rapporto sono “disoneste, non etiche, immorali e non patriottiche” dice senza mezzi termini il presidente della commissione di intelligence della Camera, Adam Schiff. Trump non è stato accusato di collusione da Mueller, ma il nodo da sciogliere è ora un suo possibile ostacolo alla giustizia.

Secondo la portavoce della Casa Bianca Sarah Huckabee Sanders, intervistata da Fox, il rapporto del procuratore speciale in realtà scagionerebbe completamente il presidente, affermando che licenziare James Comey sia stata una delle migliori decisioni di Donald Trump.

Tags

Articoli correlati