Esteri

Ryan, 5 anni, in Marocco in un pozzo come Alfredino

ROMA, 03 FEB – È caduto in un pozzo profondo 60 metri, mentre giocava in una zona rurale del Marocco, vicino Chefchauen, e ora stanno cercando di salvarlo. La storia di Ryan, 5 anni, commuove il Marocco e somiglia a quella di Alfredino Rampi, che il 10 giugno 1981, cadde in un pozzo artesiano vicino Vermicino. A venti ore dalla caduta, avvenuta martedì sera, nella comunità di Tamrut, il piccolo Ryan è ancora vivo, come riporta HBN, Hassi Berkan News, il giornale locale. Ma tutti i tentativi di riportarlo in superficie sono falliti. I soccorritori hanno calato un telefono con videocamera e sono riusciti a vedere il piccolo, seduto in fondo al pozzo. Gli hanno fornito ossigeno, cibo e acqua, gli parlano per tenerlo sveglio. Un giovane del posto, di costituzione mingherlina si è offerto volontario per calarsi, ma il pozzo si restringe ulteriormente dopo 30 metri e dopo alcuni tentativi ha dovuto desistere. Una italiana residente in Marocco, vista la somiglianza del caso con la storia di Alfredino, ha scritto alla onlus Alfredino Rampi, per chiedere consigli. Se le autorità marocchine lo chiedessero, la onlus si farebbe tramite con il servizio di Protezione civile italiano per una collaborazione. I genitori di Ryan sono in stato di shock. La zona impervia sulla catena montuosa del Rif, a nord del Marocco, rende le operazioni di recupero ancora più difficili. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati