EsteriPrimo Piano

Russia-Ucraina, sale la tensione. Arrestati tutti i 24 marinai ucraini

Continua a salire la tensione tra Russia e Ucraina. I tribunali delle città di Kerch e Simferopoli, in Crimea, hanno disposto l’arresto per tutti i 24 marinai che erano stati fermati domenica dalla marina russa sullo stretto di Kerch fra il Mar Mero e il Mar d’Azov.  I marinai arrestati resteranno in regime di custodia cautelare fino al 25 gennaio.

Dall’Unione Europea si alzano voci di protesta, fra cui quella del vicepresidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, che ha chiesto il rilascio dei marinai definendo le tensioni nel Mar d’Azov “inaccettabili”. Dombrovskis ha inoltre ribadito che l’Ue “non riconoscerà l’annessione della Crimea da parte della Russia”.

Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha chiesto a Mosca di rilasciare i marinai e di rispettare la convenzione Onu sul diritto marittimo, affermando che “l’integrità territoriale dell’Ucraina per noi è fondamentale”.

I marinai arrestati hanno confessato di aver attraversato il confine tra Russia e Ucraina con lo scopo di provocare. Kiev però rifiuta di considerare valide tali dichiarazioni che ritiene siano state “estorte” ai propri marinai.

Tags

Articoli correlati