Esteri

Ruanda: confermati 25 anni carcere per ‘Schindler africano’

KIGALI, 04 APR – La Corte d’appello del Ruanda ha confermato oggi la condanna a 25 anni di carcere per Paul Rusesabagina, le cui gesta durante il genocidio del 1994 sono state rese note in ambito internazionale dal film hollywoodiano ‘Hotel Ruanda’. Il 67enne è accusato di terrorismo e la magistratura ha respinto la richiesta dell’accusa di tramutare in ergastolo la condanna ricevuta in primo grado. Forte oppositore del presidente ruandese, Paul Kagame, Rusesabagina è stato in carcere per quasi 600 giorni prima della condanna ricevuta l’anno scorso dopo un processo accusato di irregolarità dai suoi familiari e sostenitori. Lo ‘Schindler africano’, che ha salvato oltre 1.200 persone durante il genocidio ruandese tra Tutsi e Hutu del 1994, è stato condannato per aver supportato gruppi ribelli armati accusati di attacchi mortali in Ruanda nel 2018 e nel 2019. Rusesabagina ha boicottato quasi tutte le fasi del processo, e non era presente in aula nemmeno oggi per la sentenza della Corte d’appello. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati