Politica

Spagna, al via il processo agli indipendentisti catalani

Puigdemont: l'Europa è preoccupata per il Venezuela più che per la Spagna

Stamattina in Spagna ha avuto inizio il processo ai 12 leader del movimento separatista della Catalogna: sono accusati di aver organizzato il referendum sull’indipendenza ritenuto illegale dal governo di Madrid.
Il presidente della Corte Suprema della Spagna ha definito quello iniziato oggi come il “processo più importante organizzato da quando abbiamo ristabilito la democrazia” dopo la morte di Franco nel 1975.

Il leader del movimento separatista Carles Puigdemont ha affermato che il processo rappresenta uno “stress test per la democrazia spagnola”. Puigdemont è intervenuto durante una conferenza stampa tenuta oggi a Berlino, affermando che il processo iniziato oggi in Spagna non avrebbe mai dovuto esserci, perché lo Stato avrebbe dovuto evitarlo. “Confido che alla fine si eserciti l’opportunità che ha ancora lo Stato spagnolo, quella di emettere una sentenza giusta, che è l’assoluzione”. “Voglio chiedere anche alle istituzioni europee perché l’Unione europea è preoccupata, per esempio, di quanto succede in Venezuela più di quanto non sia per quanto sta accadendo oggi a Madrid“, ha aggiunto il leader catalano. “Abbiamo bisogno che l’Europa faccia sentire una voce altrettanto chiara di quella che si leva per la difesa dei diritti umani e i valori fondamentali nel mondo”, ha sottolineato.

Tags

Articoli correlati