Esteri

Pakistan: sì alla castrazione chimica per stupratori seriali

ROMA, 18 NOV – Gli autori di reati sessuali condannati per stupri multipli potrebbero subire la castrazione chimica in Pakistan: il parlamento, riferisce la Cnn, ha approvato una nuova legislazione che mira ad accelerare le condanne e imporne di più dure. La stretta arriva in risposta a una protesta pubblica di massa per una recente ondata di stupri contro donne e bambini nel paese e alle crescenti richieste di garantire giustizia alle vittime di aggressioni sessuali. La legge prevede che il governo del Pakistan debba istituire tribunali speciali a livello nazionale per accelerare i processi di stupro e garantire che i casi di abuso sessuale siano decisi “rapidamente, preferibilmente entro quattro mesi”. I colpevoli di stupro di gruppo saranno condannati a morte o all’ergastolo. Meno del 3% dei casi di aggressione sessuale o stupro si traduce in una condanna in Pakistan. La castrazione chimica, ossia l’uso di droghe per ridurre la libido o l’attività sessuale, è legale in paesi tra cui Corea del Sud, Polonia, Repubblica Ceca e in alcuni stati degli Stati Uniti. Secondo Amnesty International invece si tratta di una pratica “crudele e disumana”, mentre invece le autorità pachistane “dovrebbero concentrarsi su riforme che affrontino le cause profonde della violenza sessuale e diano alle vittime la giustizia che meritano”, ha affermato l’organizzazione. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati